“A scuola di corto”: un magistrato, un cronista e una dirigente scolastica parlano del tema “Le vittime sconosciute della mafia”

Definito il programma del prossimo incontro di “A scuola di corto”, il progetto dell’assessorato alle Politiche educative per la  diffusione della cultura della legalità e dedicato al tema “Le vittime sconosciute della mafia”. L’appuntamento è fissato per il 21 febbraio, alle 9,30, al liceo scientifico “Luigi Einaudi” (in via Canonico Nunzio Agnello); è l’ultimo di quelli aperti al contributo di relatori esterni al mondo della scuola.

Davanti agli studenti dei nove istituti superiori che stanno partecipando al progetto, interverranno: il magistrato Antonio Nicastro, sostituto procuratore generale presso al Corte d’appello di Catania; Salvo Palazzolo, cronista del quotidiano “La Repubblica” e profondo conoscitore di Cosa nostra; la dirigente scolastica Valentina Grande.

In apertura di lavori, oltre alla dirigente del liceo Einaudi, Teresella Celesti, porteranno il loro saluto il sindaco, Francesco Italia, e l’assessore alle Politiche educative, Pierpaolo Coppa; l’assessore alla Legalità, Fabio Granata terrà un intervento introduttivo prima di dare la parola ai relatori. In programma c’è anche una breve performance dell’attrice Deborah Lentini e del chitarrista Marcello Cappellani dedicata a Felicia Impastato.

Il progetto fa parte del  Piano dell’offerta formativa territoriale per l’anno scolastico in corso. Esso è coordinato dal funzionario del Comune Giuseppe Prestifilippo e intende  promuovere la crescita competente e responsabile degli studenti del territorio attraverso la creazione di strumenti efficaci alla diffusione della legalità e al contrasto di fenomeni come il disagio e l’emarginazione.

Autore dell'articolo: redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *