Aci S.Antonio (CT) – Coronavirus, il Comune in prima linea con disinfestazioni, numeri dedicati, rete di consegne a domicilio. Caruso: “Ringrazio tutti”

Sulla scorta degli ultimi DPCM il Comune di Aci Sant’Antonio si è
attivato per cercare di assistere nel miglior modo la cittadinanza. Già
nei giorni precedenti aveva attivato i servizi informativi tenendo
costantemente aggiornati i canali ufficiali sull’evoluzione della
situazione e, soprattutto, sulle misure comunicate dal Ministero della
Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità, facendo pervenire anche
modelli informativi cartacei agli esercizi del territorio, e in questi
giorni ha diffuso puntualmente le notizie che vedono l’emergenza
allargata a tutto il territorio nazionale allo stesso modo, facendo
appello al buon senso e mirando al rispetto tout court delle regole.
In più ha comunicato la sospensione del ricevimento presso gli Uffici
Comunali fino a venerdì 3 aprile, mantenendo però attivi, per assicurare
i servizi essenziali, lo sportello dell’Ufficio Protocollo e (previo
appuntamento) gli sportelli dell’Ufficio Anagrafe e Stato Civile,
lasciando comunque la possibilità di comunicare con tutti i Settori
attraverso le linee telefoniche.
Sono stati inoltre attivati 2 numeri telefonici e un’e-mail
(095.7010086/89 e ottavosettore@comune.acisantantonio.ct.it) ai quali
comunicare l’intenzione di risiedere o soggiornare presso il territorio
santantonese dopo aver soggiornato o transitato in zone a rischio
epidemiologico.
Nella giornata di domani, poi, gli Uffici comunali saranno chiusi per
effettuare la disinfestazione e la sanificazione dei locali che li
ospitano, disinfestazione che verrà fatta anche presso la caserma dei
Carabinieri, gli impianti sportivi e la Villa Comunale. L’Ente ha poi
chiesto di anticipare il servizio di disinfestazione su tutto il
territorio comunale previsto da contratto utilizzando prodotti ad hoc
per la disinfezione delle strade, e la ditta ha già dato disponibilità,
inserendolo in calendario nei prossimi giorni. Per quanto riguarda le
scuole, infine, il servizio è stato effettuato in tutti i locali
nell’ultima settimana di febbraio.
Riguardo il divieto di assembramento, poi, l’Ente ha disposto la
sospensione del mercato settimanale e del servizio di Isola Ecologica
Mobile.
Per venire incontro alle esigenze dei cittadini, e soprattutto delle
fasce più deboli, dagli Uffici comunali è anche partito l’invito agli
esercenti della distribuzione alimentare, alle farmacie e alle
parafarmacie presenti sul territorio e nei comuni limitrofi a far
pervenire urgentemente e verbalmente, chiamando in orari d’ufficio lo
095.7010011 o lo 095.7010027, le adesioni per effettuare gratuitamente
il servizio di consegna a domicilio, comunicando denominazione,
indirizzo e contatto telefonico: in sei hanno risposto nelle prime ore,
e già nella serata di ieri altri hanno offerto la propria disponibilità.
L’elenco aggiornato verrà comunicato sui canali ufficiali dell’Ente.
“Siamo in prima linea – ha dichiarato il Sindaco, Santo Caruso – e anche
se il ricevimento per la maggior parte degli sportelli è sospeso gli
Uffici sono attivi più che mai, e per questo ringrazio di cuore i
dipendenti comunali, come anche gli esercenti che hanno accolto l’invito
di effettuare gratuitamente il servizio a domicilio, esercenti ai quali
in un momento così difficile siamo particolarmente vicini. In questo
senso i cittadini hanno un aiuto importante, e a loro rinnovo l’invito
al buon senso, anche in merito al fatto che il servizio a domicilio,
rivolto a tutti, è pensato sopratutto per chi ha effettive difficoltà
nell’approvvigionamento. Chiedo poi di rimanere a casa restando
costantemente informati, e per questo invito tutti ad accedere ai canali
ufficiali del Comune, consultando anche l’applicazione ‘Telegram’ che
permette di ricevere puntualmente le novità. Chiedo, ancora, di
attenersi scrupolosamente alle disposizioni dei vari Decreti: gli
assembramenti vanno rigorosamente evitati, anche perché non ci saranno
problemi per reperire i beni di prima necessità. Non è il momento,
questo, per creare confusione, e lo dico anche a chi fa politica: in
questa fase storica così delicata non ci sono colori politici, c’è solo
la necessità di fare rete, di lavorare tutti insieme per venire fuori da
questa difficile situazione”.

Autore dell'articolo: redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *